RuralCamp conclusa la prima tappa in Sicilia

RuralCamp conclusa la prima tappa in Sicilia

40 studenti universitari provenienti da varie regioni italiane, di cui 9 dalla Campania, sono stati protagonisti della tappa siciliana del RuralCamp, che si è svolta dal 21 al 23 luglio 2021.

L’iniziativa – promossa dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali ed attuata dalla Rete Rurale Nazionale in collaborazione con i Programmi di Sviluppo Rurale (Psr) di undici Regioni, tra cui la Campania – ha consentito agli studenti selezionati di entrare in contatto con quattro aziende agricole ed approfondire così la conoscenza di pratiche agronomiche sostenibili e soluzioni innovative adottate dagli imprenditori grazie al sostegno offerto dal Psr Sicilia.

Un’esperienza sul campo, dunque, che ha visto i ragazzi, accompagnati dai propri docenti, partecipare attivamente non solo alle study visit, ma anche ad incontri con portatori d’interesse, laboratori pratici, esercitazioni e produzione di elaborati multimediali (per il programma completo clicca QUI).

RuralCamp, che proseguirà in Umbria dal 29 al 31 agosto, è la fase conclusiva del progetto Rural4University, promosso dal Ministero delle Politiche agricole nell’ambito del programma Rete Rurale Nazionale 2014-2020 con lo scopo di “dare concretezza e sostegno ai fabbisogni di formazione specifica e informazione su sostenibilità e innovazione, e di far conoscere buone pratiche e casi di successo aziendali in tema di sviluppo rurale”.

Il progetto, che è a sua volta parte del più articolato Rural4Learning, ha come beneficiarie 17 università italiane con oltre 600 studenti e 25 docenti. A rappresentare la Campania tre atenei (Federico II, con il Dipartimento di Agraria; Salerno, con il Dipartimento di Farmacia; Sannio, con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie), 148 studenti e 5 docenti.

https://psrcampaniacomunica.it/news/primo-piano/ruralcamp-conclusa-la-prima-tappa-in-sicilia/ https://psrcampaniacomunica.it/feed
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.